Lo studio del terapeuta diventa un laboratorio vivo

 

Matteo SIMONE

Psicologo, Psicoterapeuta

 

Una qualità unica della psicoterapia della Gestalt è l’accento sulla modificazione del comportamento di una persona in sede di terapia, attraverso la sperimentazione.

Per illustrare l’importanza dell’esperienza riporto un racconto tratto da L’ARTE DI VIVERE di WILLIAM HART, La tecnica di meditazione Vipassana come insegnata da S.N.Goenka (1) : Una volta un giovane professore stava compiendo un viaggio per mare. Era un uomo assai colto, pieno di titoli, ma aveva poca esperienza della vita. Tra l’equipaggio della nave su cui stava viaggiando c'era un vecchio marinaio analfabeta. Ogni sera il marinaio faceva visita al professore nella sua cabina per ascoltarlo dissertare su diversi argomenti. Era molto impressionato dalle conoscenze del giovane.

Una sera, mentre il marinaio stava lasciando la cabina dopo alcune ore di conversazione, il professore gli chiese: "Dimmi, hai mai studiato la geologia?"

"Che cos'è?”

"La scienza della terra."

"No, non sono mai stato a scuola. “

"Allora hai proprio sprecato un quarto della tua vita."

Il vecchio marinaio se ne andò rattristato. "Se una persona così istruita dice questo, certamente deve essere vero." pensava. "Ho sprecato un quarto della mia vita!"

La sera seguente, mentre il marinaio stava per lasciare la cabina, il professore gli chiese: "Dimmi hai mai studiato l'oceanografia?"

"Che cos'é?"

"La scienza del mare."

"No, non ho mai studiato niente."

" Allora hai sprecato metà della tua vita."

Il vecchio se ne andò, ancora più triste: "Ho sprecato metà della mia vita, così dice quest’uomo tanto istruito."

La sera seguente, ancora una volta il professore chiese al marinaio: "Dimmi, hai mai studiato la meteorologia?

" Che cos'é? Non ne ho mai sentito parlare "

"Ma come! É la scienza del vento, della pioggia, del tempo."

"No. Non sono mai stato a scuola. Non ho mai studiato."

" Non hai mai studiato la scienza della terra in cui vivi, non hai mai studiato la scienza del mare su cui ti guadagni da vivere, non hai mai studiato la scienza del tempo che incontri ogni giorno? Vecchio, hai sprecato tre quarti della tua vita."

Il marinaio era molto infelice: "Quest'uomo istruito dice che ho sprecato tre quarti della mia vita! Dev’essere senz’altro vero.”

Il giorno seguente, fu il turno del vecchio marinaio. Corse alla cabina del giovane e urlò: "Professore, avete studiato nuotologia?".

" Nuotologia? Che vuoi dire?"

"Sapete nuotare, professore?"

"No, non so nuotare."

" Professore, avete sprecato tutta la vostra vita! La nave ha urtato contro una roccia e sta affondando. Quelli che sanno nuotare possono raggiungere la spiaggia vicina, ma quelli che non sanno nuotare annegheranno. Mi dispiace, professore, ma avete sicuramente perso tutta la vostra vita."

Potete studiare tutte le "ologie" del mondo, ma se non imparate la nuotologia, tutti i vostri studi sono inutili. Potete leggere e scrivere libri sul nuoto, potete dibattere sui suoi sottili aspetti teorici, ma come vi può aiutare tutto questo se vi rifiutate di entrare in acqua di persona? Dovete

imparare a nuotare.

L’esperimento è la pietra miliare dell’apprendimento esperienzale: è ciò che trasforma il parlare nel fare, la reminiscenza e la teorizzazione nell’essere qui con tutta la propria immaginazione, energia ed emozione. Per esempio, mettendo in atto una vecchia situazione incompiuta, il paziente riesce a comprenderla nel suo contesto più ricco e a completare l’esperienza impiegando le sue risorse di oggi, la sua saggezza e la comprensione della vita.

A proposito dell’esperienza, voglio citare J. Zinker: “Lo studio del terapeuta diventa un laboratorio vivo, un microcosmo nel quale la persona esplora se stessa a un livello realistico, senza la paura del rifiuto o delle critiche. L’esperimento creativo aiuta la persona ad approdare a nuove espressioni, o almeno la spinge verso i confini, i margini entro i quali vuole crescere. Gli obiettivi a lungo termine dell’esperimento consistono nell’allargare l’orizzonte della consapevolezza del paziente e della comprensione di sé, nel farlo sentire più libero di agire efficacemente nel suo ambiente e nell’ampliare il suo repertorio di comportamenti nelle situazioni di vita.

Gli obiettivi della sperimentazione creativa all’interno del setting terapeutico sono:

-         ampliare il repertorio comportamentale della persona;

-         creare quelle condizioni che aiutino la persona a vedere la propria vita come una propria creazione;

-         stimolare l’apprendimento esperienziale della persona e l’evoluzione di nuovi concetti di sé;

-         portare a termine le situazioni incompiute e superare i blocchi nel ciclo consapevolezza-ecitazione-contatto;

-         scoprire le polarizzazioni di cui non si ha consapevolezza;

-         stimolare l’integrazione di forze conflittuali nella personalità.

La costruzione di un esperimento è una danza complessa, un viaggio collaborativo.

Per accogliere l’esperienza di un’altra persona, bisogna sviluppare armonia all’inizio di ogni singola seduta: un processo di riscaldamento per ristabilire il contatto ogni volta” (2).

Durante il percorso, lo psicoterapeuta utilizza diverse tecniche, tra le quali la visualizzazione, l’immaginazione, la fantasia, ma se riesce ad accompagnare il cliente in una esperienza reale, il processo è molto più veloce e può costituire il prototipo di successive situazioni difficili che il cliente fino ad allora non è riuscito ad affrontare, forse perché si sente incapace, o ritiene di non poterlo fare.

 

(1)           Hart W., LA MEDITAZIONE VIPASSANA come insegnata da S.N. Goenka Un’arte di vivere, Edizioni ARTESTAMPA, 2011, Modena, pp. 21-22.

(2)           J. Zinker, Processi creativi in psicoterapia della Gestalt, FrancoAngeli, Milano, 2001, pp. 119-124.

Allenare gli Allenatori Azione e cambiamento nei gruppi alcolisti anonimi Camminatori eco-spirituali del Gargano Come raggiungere il proprio obiettivo Come si possono trarre lezioni preziose dalla scuola della vita Come superare il “muro” del maratoneta Commissione per la Vigilanza ed il controllo sul Doping Definizioni del doping Disturbi dell’immagine corporea come precursori dei disordini alimentari Dopo ‘il primo bicchierino’ i motivi per smettere di bere sono ridotti a zero Dott. Matteo Simone EMDR come trattamento efficace per i problemi legati a stress e trauma Esperienza di psicologo per l’emergenza Abruzzo ed Emilia Essere campioni nella nostra vita FRONTEGGIARE SITUAZIONI DI EMERGENZA E TRAUMA Giocare d’anticipo nella gara di corsa di 100 km Matteo SIMONE Giochi mondiali invernali Special Olympics Gli stadi del cambiamento: Modello Transteorico di Di Clemente e Prochaska Guadagnare salute con l’attività fisica I dodici passi ed il modello transteoretico di Di Clemente e Prochaska Il potere della nostra immaginazione Il segreto per diventare campioni Il sentiero del qui e ora, della consapevolezza del momento presente Il talento senza un duro lavoro non ti porta lontano Imparare dall’esperienza Imparare dall’esperienza e superare lo stress formativo della sconfitta Inclusione del gambling nel nuovo DSM-5 Incrementare il grado di consapevolezza del consumo di bevande alcoliche Incremento dell’autoefficacia con l’Eye Movement Desensitization and Reprocessing (EMDR) Introdurre l’attività fisica all’interno delle azioni della vita quotidiana Investire nell’attività fisica L’ eritropoietina(EPO): l’ormone che ti cambia la vita L’EMDR: un approccio psicoterapeutico per affrontare un impegno imminente L’espansione della consapevolezza L’incontro con l’altro La 100 km non inizia alla partenza e non finisce all’arrivo La Capoeira come la "Terapia Comunitaria Sistemica Integrata" La forte deteminazione e la resilienza per vincere l’Olimpiade La maglia virtuale delle risorse da indossare in gara o per raggiungere obiettivi La maratona, un obiettivo che va maturando nel corso degli anni La piramide dell’apprendimento La preparazione atletica per una competizione La preparazione mentale La salute rappresenta un bene da salvaguardare Le fasi della ripresa psicologia dell’atleta infortunato Le sconfitte, servono a riflettere, a fare il punto della situazione Lo sportivo non è solo Lo studio del terapeuta diventa un laboratorio vivo Meditare per arrivare a grandi traguardi, nella vita e nello sport Meditare per evitare di incorrere nel doping Modello di intervento nella vita e nello sport definito con l’acronimo O.R.A. Modello di intervento per la performance Modello R.O.S.A.: Respiro, Osservazione, Sensazioni, Attenzione. Modi considerati assurdi nel condurre una psicoterapia Motivazioni ed obiettivi per diventare campioni Muoversi è salute! Non piegarsi davanti alle peggiori disgrazie Obiettivi ed autoefficacia nello sport e nella vita Obiettivi, Risorse, Autoefficacia Passione per il calcio Performance lavorative migliori con la pratica dell’esercizio fisico Pillole di esercizio fisico a costo zero Più grande è la lotta più glorioso è il trionfo Portare una squadra all’eccellenza Prepararsi al cambiamento Preparazione alla gara Preparazione atletica e mentale Preparazione mentale alla maratona Prevenire l’infortunio ed aiutare l’atleta infortunato Prevenzione precoce contro l'uso di sostanze nella popolazione studentesca Psicologia dello sport e dell'esercizio fisico Psicologia dello sport e dell'esercizio fisico Psicologia dello sport e non solo in Libreria Psicologia dello sport per la perfomance sportiva Psicologia dello sport: Allenatori leader Quali possono essere le difficoltà di un atleta? Recensione del Libro “Psicologia dello Sport e non solo” Sperimentare uno stato di grazia (l’esperienza del flow) Sport per il recupero fisico-psicologico del personale affetto da disabilità Sport: valori, doping e psicoterapia Sviluppare la resilienza per affrontare la crisi Tematiche afferenti al ruolo dell'allenatore Tentati all’usare sostanze dopanti Tornare dai momenti difficili, dalle sconfitte e dagli infortuni Trovare dentro di noi la giusta strada, le giuste motivazioni per perseguire un obiettivo Tutela sanitaria delle attività sportive Un passo alla volta per restare sobri giorno per giorno Un’efficace comunicazione per la promozione della salute Visualizzare per il rilassamento e per la prestazione ottimale