Visualizzare per il rilassamento e per la prestazione ottimale

Matteo SIMONE

Psicologo, Psicoterapeuta

“Ho iniziato a visualizzare nel 1978. La mia visualizzazione è stata perfezionata sempre di più col passare degli anni. Questo è ciò che veramente mi ha dato il record del mondo e le medaglie olimpiche. Mi vedo nuotare in gara prima della gara reale ..... Circa 15 minuti prima della gara ho sempre visualizzato la gara nella mia mente e "vedo" come andrà. Vedo dove sono tutti gli altri, e poi mi concentro su di me. Non mi preoccupa nessun altro. Penso alla mia propria gara e a nient’altro .... Stai realmente nuotando la gara. Nella mia mente ... mi sento in acqua. "(Nuotatore olimpico di successo) (1)

Liggett e Hamada, fanno una distinzione tra imagery mentale ed imagery cinestesica. L'imagery mentale consiste nel vedersi da soli eseguire la prestazione, nel caso degli atleti, come se si stesse guardando un film o un video della loro stessa prestazione. Nell'imagery cinestesica, l'immaginazione diventa più intensa o più profonda, l'atleta sente realmente il movimento nei muscoli e sperimenta le emozioni della performance; rispetto a quella mentale, l'imagery cinestesica è più efficace a causa degli impulsi, confrontabili a quelli dell'evento reale, che vanno ai muscoli.

Frester chiama Allenamento ideomotorio (Ai) "tutte quelle forme di esercitazione nelle quali si ha un'auto-rappresentazione mentale, sistematicamente ripetuta, e cosciente dell'azione motoria che deve essere appresa, perfezionata, stabilizzata o precisata, senza che si abbia un'esecuzione reale”.

Il funzionamento dell'Ai si basa sul fenomeno ideomotorio, noto anche come effetto Carpenter. Gia` nel 1873 il fisiologo inglese William Carpenter (1813-1885) dimostro` che la semplice percezione o rappresentazione mentale di atti motori puo` condurre a reazioni muscolari, immaginare un movimento determina una stimolazione, seppure molto lieve, dei muscoli interessati dall'attività immaginativa Questo fenomeno e` stato chiamato ‘effetto Carpenter’ o ‘legge ideomotoria’.

Il risultato sarebbe un rinforzo, un consolidamento della traccia mnestica nella memoria del movimento, il che faciliterebbe la successiva esecuzione concreta. L'atleta dovrebbe non solo guardare se stesso mentre esegue l'esercizio, ma dovrebbe sentirsi quanto più possibile; più è vivida l'imagery, più la prestazione aumenta. Per avere un'imagery efficace nello sport, l'immagine deve essere colorata, realistica, e coinvolgere le emozioni appropriate; l’imagery (sia visiva, che uditiva, che motoria) attiva molte aree corticali simili a quelle attivate quando percepiamo realmente un oggetto, una figura, un suono o eseguiamo un movimento.

Fare in modo che la persona immagini l’intera prestazione dall’inizio alla fine facendo attenzione a sentire l’intero corpo, le sensazioni muscolari mentre fa questo, muovendosi all’interno dell’esperienza il più vividamente possibile e se c’è qualche distrazione suggerirgli che la può mettere in un contenitore e riprenderla in un secondo momento.

Una di queste tecniche è nota come “posto sicuro”e comporta la visualizzazione di una posizione reale o immaginaria che porta forti associazioni di relax. E’ un esercizio di visualizzazione per trasportare la persona da una situazione stressante in un luogo di pace e tranquillità: “chiudi gli occhi e respira profondamente; concentrati sul tuo respiro ed ascolta i battiti del cuore, in pochi secondi, immaginerai il tuo luogo preferito di relax: un fiume, una spiaggia, un prato; ora immagina di vedere il tuo posto sicuro da un balcone e vi è una scalinata di 10 gradini; ora inizia a scendere le scale e a ogni gradino diventi sempre più calmo, più rilassato; ogni gradino ti porta sempre più in profondità nel tuo meraviglioso luogo di relax e man mano che si scendono lentamente le scale riscontri un senso sempre più profondo di rilassamento in tutto il corpo; nel tuo luogo di relax, prenditi il tempo di immergerti nei panorami intorno a te, senti gli odori ed ascolta i suoni della musica preferita in sottofondo;sentiti sprofondare in uno stato sempre più profondo di rilassamento; mentre sei rilassato, regalati alcuni suggerimenti positivi e benefici, ad esempio, per aumentare la fiducia in te stesso, raggiungendo prestazioni di picco, o padronanza di una competenza specifica dello sport”.

Può diventare un modo efficace per mantenere la calma prima della gara.

Anche BOLT ha il suo posto sicuro: “Ancor oggi il posto più tranquillo che posso immaginare è la veranda di casa a Coxeath”. (2)

Attraverso la visualizzazione possiamo permetterci di più rispetto al reale:

  1.  possiamo visualizzare il nostro posto sicuro dove possiamo rifugiarci all’occorrenza;
  2. possiamo provare a cambiarequalcosa, sperimentare, quello che rischiamo non è reale ma solo immaginario e può darci un’idea;
  3. possiamo fare un viaggio immaginativo alla ricerca di nuove risorse che ci occorrono per una nuova vita.

 

(1)     Terry Orlick, John Partington, Mental Links to Excellence, The Sport Psychologist, 1988, 2, 105-130.

(2)     La gazzetta dello sport, 20.07.2012, pag. 29.

Allenare gli Allenatori Azione e cambiamento nei gruppi alcolisti anonimi Camminatori eco-spirituali del Gargano Come raggiungere il proprio obiettivo Come si possono trarre lezioni preziose dalla scuola della vita Come superare il “muro” del maratoneta Commissione per la Vigilanza ed il controllo sul Doping Definizioni del doping Disturbi dell’immagine corporea come precursori dei disordini alimentari Dopo ‘il primo bicchierino’ i motivi per smettere di bere sono ridotti a zero Dott. Matteo Simone EMDR come trattamento efficace per i problemi legati a stress e trauma Esperienza di psicologo per l’emergenza Abruzzo ed Emilia Essere campioni nella nostra vita FRONTEGGIARE SITUAZIONI DI EMERGENZA E TRAUMA Giocare d’anticipo nella gara di corsa di 100 km Matteo SIMONE Giochi mondiali invernali Special Olympics Gli stadi del cambiamento: Modello Transteorico di Di Clemente e Prochaska Guadagnare salute con l’attività fisica I dodici passi ed il modello transteoretico di Di Clemente e Prochaska Il potere della nostra immaginazione Il segreto per diventare campioni Il sentiero del qui e ora, della consapevolezza del momento presente Il talento senza un duro lavoro non ti porta lontano Imparare dall’esperienza Imparare dall’esperienza e superare lo stress formativo della sconfitta Inclusione del gambling nel nuovo DSM-5 Incrementare il grado di consapevolezza del consumo di bevande alcoliche Incremento dell’autoefficacia con l’Eye Movement Desensitization and Reprocessing (EMDR) Introdurre l’attività fisica all’interno delle azioni della vita quotidiana Investire nell’attività fisica L’ eritropoietina(EPO): l’ormone che ti cambia la vita L’EMDR: un approccio psicoterapeutico per affrontare un impegno imminente L’espansione della consapevolezza L’incontro con l’altro La 100 km non inizia alla partenza e non finisce all’arrivo La Capoeira come la "Terapia Comunitaria Sistemica Integrata" La forte deteminazione e la resilienza per vincere l’Olimpiade La maglia virtuale delle risorse da indossare in gara o per raggiungere obiettivi La maratona, un obiettivo che va maturando nel corso degli anni La piramide dell’apprendimento La preparazione atletica per una competizione La preparazione mentale La salute rappresenta un bene da salvaguardare Le fasi della ripresa psicologia dell’atleta infortunato Le sconfitte, servono a riflettere, a fare il punto della situazione Lo sportivo non è solo Lo studio del terapeuta diventa un laboratorio vivo Meditare per arrivare a grandi traguardi, nella vita e nello sport Meditare per evitare di incorrere nel doping Modello di intervento nella vita e nello sport definito con l’acronimo O.R.A. Modello di intervento per la performance Modello R.O.S.A.: Respiro, Osservazione, Sensazioni, Attenzione. Modi considerati assurdi nel condurre una psicoterapia Motivazioni ed obiettivi per diventare campioni Muoversi è salute! Non piegarsi davanti alle peggiori disgrazie Obiettivi ed autoefficacia nello sport e nella vita Obiettivi, Risorse, Autoefficacia Passione per il calcio Performance lavorative migliori con la pratica dell’esercizio fisico Pillole di esercizio fisico a costo zero Più grande è la lotta più glorioso è il trionfo Portare una squadra all’eccellenza Prepararsi al cambiamento Preparazione alla gara Preparazione atletica e mentale Preparazione mentale alla maratona Prevenire l’infortunio ed aiutare l’atleta infortunato Prevenzione precoce contro l'uso di sostanze nella popolazione studentesca Psicologia dello sport e dell'esercizio fisico Psicologia dello sport e dell'esercizio fisico Psicologia dello sport e non solo in Libreria Psicologia dello sport per la perfomance sportiva Psicologia dello sport: Allenatori leader Quali possono essere le difficoltà di un atleta? Recensione del Libro “Psicologia dello Sport e non solo” Sperimentare uno stato di grazia (l’esperienza del flow) Sport per il recupero fisico-psicologico del personale affetto da disabilità Sport: valori, doping e psicoterapia Sviluppare la resilienza per affrontare la crisi Tematiche afferenti al ruolo dell'allenatore Tentati all’usare sostanze dopanti Tornare dai momenti difficili, dalle sconfitte e dagli infortuni Trovare dentro di noi la giusta strada, le giuste motivazioni per perseguire un obiettivo Tutela sanitaria delle attività sportive Un passo alla volta per restare sobri giorno per giorno Un’efficace comunicazione per la promozione della salute Visualizzare per il rilassamento e per la prestazione ottimale